MEGANAI | FUTURE BROWN
MEGANAI

FUTURE BROWN

3 marzo 2015
CATEGORIA
Future Brown è un progetto musicale di Fatima Al-Qadiri, il duo californiano Nguzunguzu e J-Cush, in definitiva una sorta di ensemble con alcune delle menti più illuminate ed originali emerse in questi anni dal gran fervore in atto nei suoni variamente urban. Un progetto che nasce con l’intento di fondere le diverse anime coinvolte, creando un meticciato sonoro che possa fare da soundtrack ad un eventuale futuro meticciato culturale e razziale, identificato in un ipotetico “colore marrone” che caratterizzerebbe tutti noi tra un 50nnio o giù di lì.

untitled-article-1417793141

Il disco che ne risulta non è riuscitissimo, caratterizzato com’è da una giustapposizione di elementi diversi senza che vi sia vera coesione, come se i vari membri si fossero limitati a fare ognuno la propria cosa, senza creare davvero quel futuro meticciato globale citato nel concept del disco.
Vernáculo è però un brano formidabile, capace di racchiudere le atmosfere orientali di Fatima Al-Qadiri e le vibrazioni metropolitane di Nguzunguzu, traducendole in un suono insospettabilmente latino, realmente il suono di una possibile futura balera in un possibile futuro barrio.

566f190a4e52a652516815f9ab07510fea3ef7ef620f0f780e0e6ecf

Dietro a questo disco c’è purtroppo anche una brutta storia di editoria malata. Pitchfork nella persona di Meaghan Garvey ha pubblicato una recensione assurda e detestabile, che, pur centrando le condivisibili critiche al comparto musicale, si lancia in una apparentemente incomprensibile crociata etica. Solo apparentemente incomprensibile dato il profilo dell’autrice, nota giornalista anche per The Fader e Red Bull (il cui sito Inglese ha dapprima pubblicato ma poi rimosso la stessa recensione sottolineando come non rispecchiasse le sue linee editoriali) ma soprattutto artista visuale e curatrice d’immagine di discreta fama nel suo settore di riferimento. Un delirio 2.0 di un mondo in cui la star vorrebbe essere chi scrive, in cui a mancare clamorosamente è il meticciato di idee e visioni rispettose, un cortocircuito di conflitti di interesse vari ed eventuali avvilente e preoccupante.
IL DISCO IN STREAMING: