MEGANAI | La riscoperta della scoperta nel tempo del tutto condiviso nel nulla
MEGANAI

La riscoperta della scoperta nel tempo del tutto condiviso nel nulla

by NICOLA ALTIERI

 

 

Schermata 2015-08-28 alle 00.07.13 copia
Schermata 2015-08-28 alle 00.07.46 copia
Un tempo non 2.0, un tempo in rete comunque, senza urgenza di condividere tutto a tutti su tutto, ovunque. Un tempo di ricerca del simile, del diverso spiato, invidiato. Vicinanza su cose, questioni e pulsioni, limitate, confinate. Un campo d’azione, un orto coltivato, poi un altro, altrove, con altri, simili e diversi, visti o non visti, amati comunque, odiati talvolta, parentesi, un lampo di un giorno tra tanti di una scatola piccola in un mondo più grande.
Un tempo di ricerca, espansione di sé, non più tra sé e sé, con altri con qualcosa in più del sé, da prendere, rubare, studiare, ampliare e poi, infine: condividere. Un attimo, un singolo istante di un dare seguente l’avere, l’avere nel dare e poi vivere, la fuori, più pieni dentro ma solo dopo aver spento.
Un tempo di messaggi privati su portali oscurati dal tempo futuro con nomi, titoli, segnali di fumo digitale da ricomporre in suoni e visioni, emozioni a corredo, pezzi d’ignoto a colmare un vuoto e poi un altro vuoto di nuovo, una fame sempre accesa a tener lontano una resa.
Tempi di gruppi, non ancora fazioni, tempi di scoperte, di segreti riposti e svelati. L’ultima onda di frequenza modulare prima del tutto che muta nel nulla, del flusso continuo che si spegne in silenzio.
Ricevere un messaggio, leggere un nome, cercare, trovare, sentire, spegnersi, poi riaccendersi ed illuminare d’improvviso e poi ricordare quando questo era un lampo di un giorno tra tanti di una scatola piccola in un mondo più grande ora chiuso in una scatola grande di un mondo senza forma e sostanza. Ricordare ed amare quel tempo che fu e ringraziare il ritorno di un lampo che fu che tornando riaccende la voglia di quel che sarà, di quel che tornando prima o poi resterà.

Details

27 agosto 2015
CATEGORIA