MEGANAI | #PassThePopCorn | Guida non allineata a cosa guardare su NETFLIX
MEGANAI

#PassThePopCorn | Guida non allineata a cosa guardare su NETFLIX

Con l’arrivo di Netflix anche nel bel paese diamo il via ad una rubrica del tutto sporadica ed arbitraria con consigli non allineati su cosa vedere. Niente di troppo noto o già visto, una piccola guida per soffermarsi sulle pieghe più sgualcite ed interessanti di un catalogo quantitativamente magro ma piuttosto ricercato. In futuro se possibile saranno guide tematiche, a dire il vero sarebbe stato carino innaugurare con una guida ultra abusata del tipo “i 5 film horror da vedere su Netflix ad Halloween”, peccato che ci sarebbe finito solo il primo Halloween…a Netflix Italia gli Horror evidentemente stanno antipatici.

 

SE CLICCATE SUL TITOLO VENITE CATAPULTATI SU NETFLIX E NON DITE CHE NON VI VOGLIAMO BENE.

 

RUBBLE KINGS (2010)

DOC

Documentario video-fotografico sul Bronx negli anni 70, agli albori dell’Hip-Hop e con le gang che imperversavano nel quartiere. Una storia di multiculturalità e fervore, violenza e passione. Auspicabile venga inserito in catalogo anche l’altro grande DOC di Shane Nicholson, Downtown Calling

 

HINTERLAND (2013)

SERIE TV

Noir d’ambientazione gallese, recitato in inglese e gaelico. Tipico esempio della qualità media delle produzioni BBC. Prodotto per ottemperare alla legge inglese secondo cui la tv di stato deve trasmettere un numero minimo di ore in lingua gaelica, Hinterland è il classico giallo televisivo alla maniera british ma perfettamente integrato nella specificità del Galles che viene esasperata per contrasto dall’inglesità del detective protagonista. Delitti efferati, spesso macabri e con un mare di sofferenza alle spalle del delitto in luoghi, scorci ed atmosfere da togliere il fiato. Episodi da 90 minuti l’uno.

 

WHAT HAPPENED, MISS SIMONE? (2015)

DOC

Ancora non lo avete visto? Sul serio? No vabbè, non c’ho parole…

 

PRIGIONIERI DEL GHIACCIO (2013)

FILM

La solidità del cinema di genere norvegese, la smorfie e gli accenti degli attori britannici, la durezza e fermezza dei visi tedeschi, la montagna, il freddo, la sopravvivenza, l’imponderabile fratellanza tra nemici in tempi di guerra.

 

THE ONE I LOVE (2014)

FILM

Un film che andrebbe fatto vedere in tutti i corsi di sceneggiatura del mondo. Brillante e acuto, profondo ma ironico, intelligente ma leggero. Se siete in una qualche relazione e vivete un periodo di stanca dovete assolutamente vederlo. Adorabile.

Details

23 ottobre 2015
CATEGORIA