MEGANAI | TOY STORY 3 | Lee Unkrich
MEGANAI

TOY STORY 3 | Lee Unkrich

by NICOLA ALTIERI

Alzi la mano chi avrebbe creduto mai possibile che alla Pixar sarebbero stati in grado di tirare fuori un grande film anche dal capitolo conclusivo della saga di Toy Story. In molti probabilmente lo speravano ma quanti davvero credevano possibile che dopo quel capolavoro di Toy Story 2 e soprattutto dopo le svolte mature e sperimentali di Wall-E e UP alla Pixar sarebbero stati in grado di alzare l’asticella ancora più in alto? Ammettiamolo, lo spettro dell’ennesimo sequel, prassi hollywoodiana scaccia crisi e scaccia mancanza di idee, era dietro l’angolo.

 

Alla Pixar sorpassano a destra tutti ancora una volta e realizzano un opera densissima, divertente e straziante, pregna di una emotività intensa ma mai stucchevole, vibrante e vitale come solo l’urgenza della sopravvivenza ed il desiderio di libertà sanno essere. Una libertà che sembra materiale ma che è in realtà ben più. La libertà di poter essere se stessi, di trovare il proprio mondo ed il modo unico e proprio di poterci stare dentro, la libertà di scegliersi i propri compagni di strada e di pretendere di non essere e restare soli ma anche la libertà di poter comprendere che prima o poi c’è da salutarsi ed andare oltre senza che tutto odori di abbandono, la libertà di ammantare un addio di serenità e di una continuità che sa di crescita, la positività del cambiamento in luogo della staticità.

 

Eppur si ride, con la solita intelligenza sebbene qui e li si affacci una certa ironia stile Dreamworks che profuma di un facile citazionismo ed una certa tendenza a scene action un po’ troppo hollywood style, ma sono solo dettagli spazzati via da inquadrature che lasciano a bocca aperta, tra dolly ad alta tensione e primi piani profondissimi e qualche campo lungo che sa di classicismo. Ci sarebbe da parlare e riflettere a lungo su di un film che sulla scia degli ultimi Pixar apre frontiere per una contemporaneità cinematografica americana che ora non c’è.

 

Details

28 luglio 2010
CATEGORIA

Leave a Comment